Senesi, il gallerista "GLOCAL" che insegue l'arte nel mondo

Senesi, il gallerista "GLOCAL" che insegue l'arte nel mondo

Il Mattino

Franco Senesi is the gallerist of Capri. What Americans would call a perfect example of self-made man. He has created Liquid Art System, introducing a way of thinking about contemporary art that he defines "glocal".
Born in ‘69, his father Antonio is from Anacapri, an artisan, among the best plasterers of the Island. An inborn aptitude towards the world of art, a "clinical" eye, a sort of vocation.
Less than twenty years old Franco has to choose: “ should I go to University or get a job?” The sense of duty calls.
His attention shifts on the market, and Franco develops a passion for the aoff-stage of the art world.
From '89 to 2000, “backbone” of Miniaci Art- gallery in the heart of the “Piazzetta”, years during which the Italian Masters of painting of the twentieth century rule, with their neo-realist landscapes and colors. Franco learns a skill that cannot be taught, naturally his ability to sell art grows. "I was beginning to understand the dynamics that are around a purchase, lived as an aesthetic experience. Let me explain better : people who come to Capri, arrive in a place of beauty, and of that very beauty become a lover. "
After more than 10 years of collaboration with Miniaci, Franco decided to open a space of his own, "a choice I would say forced." The gallery moved to Via Camerelle, not under the limeligh of a shop-window, but inside an apartment. "The work was long and gradual. For an initial period I ‘ve been researching and working with local artists. Meanwhile, the market was changing. The classical concept of the gallery has lost its strength, new trends dominate today. The web has brought buyers closer to art, it has democratized the use of information and facilitated the relationship with the artists themselves. The collector who is in the gallery googles the artist name, look at his website, where he is represented. You can get news about art in real-time. In a big city you should rely to a contact database which propose continuously new artworks. The relationship with the collector who visit Capri is much different. In a destination like this , the audience is constantly changing. So I preferred to "marry" some artists, working with selected authors over time. Establishing a relationship with them first of all on a personal level. I share with my artists a vision, objectives, this allows me to offer customers even a whole production, or to ensure that the collector can commission them works. "
With Liquid art system, the artworks communicate a message, it is not the big name to make a difference, but the emotional impact that art is able to generate.
Over the years my selection has been refined according to the territory and its guests: Antonio Sannino for example, it is one of the authors that better describes the place where he produces. I was fascinated by the work of Umberto Ciceri, the mix of art and technology, the use of lenticular printing, I love the movement of his dancers that still populate my galleries. Then, the many Italian authors such as Marco Grassi, Federico Severino, Giacinto Bosco, Roberto Ferri, excellent performers of that beauty that we all want to communicate.
The next step consisted in a research related to the contemporary, world, discovering new methods, new tools. Always “pursuiting the beauty", following the artwork's power, enclosed in its aesthetic, I came to more contemporary authors such as Demetz, Zuhang, Willy Verginer.
Meanwhile, I have opened in Positano in 2002. I knew there was a flourishing artistic reality. Here I sold so much and I was able to emancipate myself and in 2011 I bought a major local, in Via Vittorio Emanuele, he street for luxury shopping par excellence.
The authors usually choose galleries for their importance and reputation on the market, especially those with Italian Masters of the last century, a process similar to a bank investment . I prefer to do scouting, I ask for advice to the artists that suggest me other artists, my research is extensive and goes beyond the circuits of art. I rely on the emotional aspect that the work awakes on me, feeling a sort of vibration, listening to rumors, trying to anticipate what the market may reward.
How to choose a work of art? What are your criteria?
They are linked to the character of the work. Yes, for me the work has a character. Last but not least, I am fascinated by the technique of working, often admiring the sofisticated ones, or superfine, or innovative.
My buyer seeks works that speak to his heart and his stomach, and I identify with him. I do not have a speculative approach, and I’m not a suporter of purchase for pure investment. After all, it is not very easy to guarantee the value of a work of art over time.
The real investment in the purchase of works of art lies in the emotion.
I count much more to the strength of the work, the message it contains. I bet on beauty, on the communicative power it possesses.
The art market has experienced in years a cross-growth, for those who work in international places like me , it is a fortune, because the audience is heterogeneous.
The work , therefore, should be able to speak to everybody. "
Today Liquid Art System offers representative space also in London, in the heart of Mayfair, and Istanbul. The goal is:
- Strengthen communication with customers, that Capri allows us to have only occasionally
- Looking for young talents in these areas, relating them whith what is done in Italy to create new developments.
"Last year with" Capri Island of the art ", a manifestation of itinerant contemporary art on the Island, we have brought together and housed in a single complex characters plus and minus emerging of the contemporary world. They have been together for three days, for one exchange of unique experiences.
The art market is not so inclusive, the art fairs have become places of the market- basically is the same work of the gallery moved into another setting.
So this seemed to me an opportunity for cultural growth. I hope that in the new spaces in London and Istanbul, we can do the same thing, with Italian and international artists.
My matrix was the Miniaci gallery, but then I didn’t inspire to any model. I certainly was influenced by the American system, which I appreciate: the use of spaces similar to museum, large galleries, impressive works, a direct way of communicating . The aim to impress the viewer.
The shopping experience is mainly related to the place where the artwork is exposed. "I see a work but I also see its context, I want to work and everything that surrounds it."

Franco Senesi è il gallerista dell’Isola di Capri. Quello che gli americani chiamerebbero un brillante esempio di self-made man.
Ha creato Liqui Art System introducendo un modo di pensare l’arte contemporanea che definisce “glocale”.  Una carriera di successo, e tutta in salita. Eppure, la sua attività di gallerista,  nasce paradossalmente da un sogno mai realizzato, quello di fare l’artista: “Volevo diventare un pittore famoso, ispirato dalla passione e dall’abilità di mio padre, Antonio, artigiano, tra i migliori stuccatori dell’isola. Così, dopo la maturità, senza proseguire gli studi, cercai un artista locale per essere iniziato alle tecniche pittoriche: la ricerca fu vana perché  un po' tutti i pittori isolani erano piuttosto introversi e restii a dividere con terzi le loro conoscenze. Trovai in un ceramista caprese- Massimo Goderecci - un aiuto e una spinta per dipingere almeno in ceramica, ma anche questa possibilità non poteva essere perseguita perché troppo  dispendioso gestire un laboratorio di ceramica da solo. E soprattutto perché non riuscivo ad arrivare ad un livello di qualità pittorica e di ricerca in grado di soddisfarmi: avrei potuto solo trasferirmi in una grande città per crescere come artista ma i mezzi mi mancavano. Insomma, dovevo abbandonare i sogni di gloria d'artista e cercare un lavoro. Proprio quell’anno, il 1989, una galleria di Milano aprì uno spazio a Capri e mi proposi subito come assistente: in quel modo avrei potuto frequentare gli artisti ed imparare le tecniche che non avrei mai assimilato da artisti locali. Fui assunto.”
Negli anni, Senesi impara un mestiere che non si insegna: cresce spontaneamente la sua abilità nelle vendite d’arte.
“L ’esperienza che ne è conseguita mi ha dato la giusta determinazione e l’audacia necessaria per inventarmi un ruolo a Capri e in costiera come promotore di artisti contemporanei, in anni in cui andava ancora forte l’antiquariato. “ Un’intuizione precoce, una predisposizione congenita verso il mondo dell’arte, un occhio “clinico”, quasi una vocazione la sua. 
Dopo oltre 10 anni di gavetta,  Senesi decide di aprire uno spazio tutto suo. “Il lavoro è stato lungo e graduale. Per un primo periodo mi sono dedicato alla ricerca e ad artisti locali,  la mia galleria non era molto in vista, mi trovavo all’interno di un appartamento, non in vetrina.”
Intanto il mercato si  trasformava. Le gallerie normalmente scelgono  gli autori per il loro peso sul mercato, soprattutto quelle italiane con gli storici, l’ acquisto delle opere è simile ad un investimento bancario. “Io  preferisco fare scouting, mi confronto con gli stessi artisti che suggeriscono altri artisti, la mia è una ricerca capillare al di là dei circuiti, cerco di anticipare ciò che il mercato potrebbe premiare. Il vero investimento nell'acquisto delle opere d'arte è quello emotivo. Scommetto sulla bellezza, sulla forza comunicativa che le opere possiedono. Non è il grande nome a fare la differenza, ma l’impatto emotivo che l’arte è in grado di generare. Negli anni la mia selezione si è affinata  anche in base al territorio ed i suoi frequentatori. Nel 2002 ho aperto a Positano. Sapevo che c'era una realtà florida artistica. Sono riuscito ad emanciparmi e posizionarmi nel 2011 in un locale importante a Capri , spostandomi a Via Vittorio Emanuele, nella strada per eccellenza dello shopping di lusso.” 
Senesi , classe '69, è stato dunque in grado di costruirsi un suo piccolo impero in costiera ed una fama a livello internazionale nell'arte contemporanea con spazi espositivi anche a Londra, Istanbul e presenza fissa da oltre 5 anni alle maggiori fiere mondiali come quelle di Miami ( durante Art-Basel) e New York.
Proprio grazie agli appuntamenti fieristici cui partecipa costantemente,  dall’autunno alla primavera,  ha modo di farsi conoscere, di portare gli artisti delle sue gallerie nei “templi” dell’arte contemporanea, quei luoghi deputati alla sua fruizione, e alla  vendita ai massimi livelli .
Durante l’estate, organizza esposizioni itineranti nei luoghi più emblematici dell’Isola, come la Piazzetta o il belvedere di Tragara, ed allestisce un vero e proprio giardino dell’arte a Positano. “ Non mi sono ispirato a nessun modello. Senz’altro ho subito una forte influenza  dal sistema americano, che apprezzo: l’utilizzo degli spazi quasi museale, gallerie molto grandi, lavori imponenti, un modo di comunicare più diretto. La voglia di impressionare lo spettatore. L’esperienza dell’acquisto è legata principalmente al luogo in cui è esposto. Vedo un’opera ma vedo anche il suo contesto, desidero l’opera e tutto ciò che la circonda.” 
Il gallerista è a capo anche di un’associazione, Capri The Island of Art che, sotto la direzione artistica di Marco Izzolino,  da tre anni promuove un festival, mettendo in comunicazione nomi già noti ed emergenti del mondo contemporaneo. Un confronto diretto tra arte e territorio, che vede coinvolti artisti della scena contemporanea nazionale e internazionale, chiamati a dialogare con i luoghi e le storie di Capri.
“ Seguiamo quindi due binari, uno necessariamente più commerciale, l’altro legato alle istituzioni culturali, e non è detto che queste due strade non si incrocino.”
Tra i nuovi progetti, un’iniziativa unica nel suo genere in una delle aree più panoramiche di Anacapri: " Ho pensato di creare un luogo dove cultura locale contadina, paesaggio e opere d'arte en plein air si fondano per dare al visitatore una diversa visione dell'arte in un contesto agrinaturalistico di grande bellezza." 
Verrebbe da  chiedere quale è il segreto di un simile successo, per un imprenditore che è partito praticamente da zero , fatta esclusione per la solida matrice familiare ed una grande passione per l’arte . Ma per Senesi non è tempo di autocelebrarsi : “c’è tanto tragitto ancora da fare e molto da dimostrare”, conclude.

di AnnaChiara Della Corte

View the article (only in Italian)

Top of Page